L'incontro particolare

Approfondisci

avevo conosciuto Anna nei tempi dell’università tramite il sito di Massaggi Annunci di massaggi e tra noi nacque subito una bella amicizia tanto che poco tempo dopo ci ritrovammo a lavorare insieme come dipendenti di un ufficio.

Anna era una ragazza molto solare e divertente oltre ad essere bella nella sua semplicità, spesso nella pausa caffè che avevamo lei ironizzava sempre sulle altre ragazze dicendomi che avevo fatto colpo, ma effettivamente ero sempre stato un ragazzo che amava essere curato e in ordine e questo mio lato è sempre piaciuto alle ragazze.

Gli anni passarono e quel lavoro di ufficio non mi soddisfava più tant’è che lasciai e decisi di trasferirmi in un’altra città lasciando quel lavoro persi di vista anche l’amicizia con Anna.

Gli anni passarono fino a quando poche settimane fa entro nel solito bar per prendere il caffè prima di andare a lavoro e seduta a un tavolino vedo proprio lei Anna nonostante siamo passiti gli anni è sempre rimasta quella di un tempo bella nella sua semplicità, mi sono avvicinato e l’ho salutata lei a primo impatto non mi aveva riconosciuto ma poco dopo spalanco le braccia per abbracciarmi.

Cosi quella mattina ci sedemmo al bar per raccontarci di tutti gli anni che ci eravamo persi, lei mi disse che erano circa due anni che si era sposata e che non lavorava neanche più lei per quel ufficio poco dopo ci dovettimo salutare.

Andai con una piacevole sensazione ero contento di averla rincontrata e in quel momento mi infastidiva l’idea che fosse sposata.

Passarono i giorni e incontrai di nuovo Anna al bar un paio di chiacchiere come al solito e pochi li chiesi se una sera aveva voglia di uscire, acconsenti e ci accordammo per un venerdì quando suo marito andava a calcetto e poi si fermava a cenare con i suoi amici.

Fu cosi che quel venerdì dopo andammo a cena insieme lei per non creare strane gelosie con il marito racconto che la cena era un ritrovo di ex colleghi di lavoro.

Anna quella sera si presentò alla cena terribilmente sexy in tutti gli anni che la conoscevo non l’avevo mai vista cosi bella indossava un vestito molto attillato che faceva risaltare lei proporzionate curve con un seducente tacco a spillo solo al pensiero di guardarla mi eccitava moltissimo.

Andammo a cene in piccolo ma molto elegante ristorante vicino al porto dove cera una vista bellissima iniziammo a parlare del più e del meno finno a quando lei mi confidò che con il marito nonostante fosse sposata da poco erano in crisi mi disse che si sentiva parecchio trascurata e anche sessualmente le cose tra loro non andava bene.

La serata trascorse velocemente pagai il conto e uscimmo dal ristorante, facemmo un paio di giri in macchina fino a quando per pura casualità mi ritrovai sotto casa mia in quel momento averti un’aria strana ero un po’ indeciso che chiederle di salire o meno non volevo essere visto come quello che approfittava delle confidenze che mi aveva fatto ma alla fine mi decisi e la inivitai a prendere un caffè su da me.

La feci accomodare il salotto mentre andai a preparare il caffè in tanto misi della musica rilassante e lei subito mi disse che era la stessa musica che mettevano nel centro massaggi dove andava a rilassarsi.

Iniziò a raccontarmi della passione che aveva per i massaggi dicendomi che amava sia riceverli che farli cosi inaspettatamente mi propose un massaggio particolare dicendomi che si sarebbe dovuta spogliare accettai subito con la scusa che un bel massaggio mi ci voleva proprio.

Andammo nella mia camera da letto dove si spoglio velocemente rimase in perizoma e reggiseno era terribilmente sexy che inizia ad eccitarmi, mi fece spogliare del tutto e sdraiare sul letto andò in bagno e preso un olio che avevo, inizio a massaggiarmi la schiena erano dei piacevoli movimenti lenti e profondi che mi donavamo relax.

Mentre inizia a scendere lentamente verso le natiche sentivo che iniziavo ad eccitarmi sempre di più il mio attrezzo iniziava ad essere duro sento una erezione non so se lei si accolse ma poco dopo mi chiese di girarmi, quando lo feci lei subito noto l’erezione del mio attrezzo.

Tranquillamente inizio di nuovo il massaggio ma era diverso era più spinto lo faceva con voglia di qualcos’altro fu un attimo che senti la sua mani che mi massaggiavano il peno che divenne letteralmente di marmo vedevo che iniziava ad eccitarsi anche lei così decisi di prendere la situazione in mano la presi buttandola sul letto, le slacciai il reggiseno e le tolsi il perizoma andai diretto di bocca nella sua intimità era già bagnata di piacere e la cosa mi fece letteralmente impazzire.

Mi misi su di lei facendoli sentire il mio attrezzo duro come il marmo poco dopo la penetrai, me la scopai con una passione indescrivibile lei godeva come non faceva da tempo forse.

Poco dopo le venni letteralmente il faccia quella serata appago entrambi, poco dopo l’accompagnai alla sua macchina ci salutammo e lei andò via.